Data:
21 dicembre 2017

Visualizzazioni:
238

Grazie alla disponibilità di ulteriori 1.594.377,00 il Direttore Generale ha dato il via libera per il pagamento delle borse di studio anche ai 590 studenti fino ad oggi “idonei non beneficiari”

 

E’ tempo di good news per gli studenti fino ad oggi idonei ma non beneficiari della borsa di studio dell’ERSU. Grazie al reperimento di nuove risorse, il Direttore Generale Antonello Arghittu nei giorni scorsi ha firmato il documento che da il via libera al pagamento, a partire dal prossimo 28 febbraio, del sussidio anche ai 590 studenti in graduatoria, fino a questo momento esclusi dal contributo per mancanza di fondi.

Saranno erogati 1.594.377 euro per coprire al cento per cento le richieste degli aventi diritto, per il terzo anno consecutivo.

All’inizio dell’anno accademico in corso (2017/2018) l’Ersu Sassari aveva già distribuito le borse fino ad esaurimento risorse, soddisfacendo le prime 2434 richieste da parte degli idonei a ricevere il contributo; con questo secondo stanziamento si potrà espletere la graduatoria.

Dal 2014 ad oggi l’Ersu, grazie alla Regione Sardegna, ha potuto gradualmente arrivare a garantire la borsa di studio ad un numero sempre maggiore di aventi diritto, fino al totale soddisfacimento delle richieste negli ultimi due anni accademici. Si è partiti nell’a.a. 2014/2015 con un finanziamento di 3milioni 387mila euro che ha permesso di erogare 1024 borse su un totale di 2320 ricevute da parte degli aventi diritto: in questo caso si è riusciti a finanziarne quasi il 50%. Nell’a.a. successivo, il 2015/2016, il finanziamento è cresciuto notevolmente, arrivando a 5milioni 438mila (grazie anche a fondi POR-FSE e della Fondazione di Sardegna): le domande totali sono state 2772, di cui 1835 di aventi diritto. Queste ultime sono state finanziate al 100%. Nel 2016/2017 si è cresciuti ancora:  7.187.021 euro di fondi hanno consentito di coprire anche questa volta il 100% delle domande di borsa degli aventi diritto, che sono state 2456 su un totale di 3240 ricevute.

“ERSU Sassari non si è fermata e questo ulteriore ottimo risultato lo dimostra - sottolinea il Direttore Generale Antonello Arghittu che prosegue dicendo che - ora i prossimi obiettivi sono l’ultimazione della Casa dello Studente nella Ex Fondazione Brigata Sassari, l’accantieramento del Campus a San Lorenzo e si dovrà pensare a fornire maggiori servizi, principalmente residenziali, nelle sedi universitarie di Alghero, Olbia, Nuoro e Oristano. Il lavoro da fare è ancora tanto, ma non ci spaventa. Siamo qui per mettere nelle condizioni i nostri studenti di vivere un’esperienza di vita indimenticabile a Sassari, durante il percorso universitario”.

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento:
11 aprile 2022 , 10:54

Potrebbero interessarti